In evidenza

Globe at Night – Contare le stelle per la scienza (all’aperto, di notte, in tutto il mondo su dispositivi mobili)

Globe at Night, che esiste dal 2009, nel 2020 vorrebbe ampliare ulteriormente il suo database. Tutti possono partecipare, l’unico requisito è l’accesso a Internet e un dispositivo mobile.

  1. Naviga su <www.globeatnight.org>
  2. Nella pagina delle risorse, se necessario, è possibile selezionare una lingua diversa dall’inglese
  3. Verrà visualizzata una pagina che ti guiderà in sei semplici passaggi per inviare il rapporto della tua osservazione .

Per la loro campagna di misurazione, gli scienziati vorrebbero avere il maggior numero possibile di osservazioni nel periodo che va da San Valentino (14 febbraio) al 28 marzo 2020 (il giorno dell’Astronomia).

Partecipa, non preoccuparti se non hai accesso ad Internet durante l’osservazione, prendi nota in modo da peter inserire successivamente i dati dal tuo pc.

Analisi delle emissioni di luce in Svizzera nel 2019 – continuo aumento dell’inquinamento luminoso

Le misurazioni degli ultimi sette anni mostrano un aumento continuo delle emissioni di luce. Questo effetto è favorito dall’elevata intensità luminosa delle luci a LED e dalla mancanza di consapevolezza degli effetti dell’inquinamento luminoso. Per questo motivo Dark-Sky Switzerland chiede alla Confederazione aiuti per l’applicazione della legge da parte die Cantoni e dei Comuni, come già promesso dal 2017. Gli approcci concreti alla protezione dei paesaggi notturni sono fondamentali per la conservazione della biodiversità e della salute.

Dark-Sky Switzerland pubblica annualmente l’evoluzione delle emissioni luminose in Svizzera. Utilizzando il metodo dell’intensità luminosa assoluta e della luminanza relativa, si crea una serie di misurazioni scientificamente riconosciute. Mentre l’intensità luminosa aumenta dello 0,5% per anno nel periodo di misurazione, la Svizzera buia si riduce del 3,9% all’anno (praticamente pari al cantone di Friburgo).

La tecnologia LED è efficiente dal punto di vista energetico ma non necessariamente vantaggiosa per gli animali e per l’uomo

Lukas Schuler, specialista in scienze naturali e presidente di Dark-Sky Switzerland, afferma “Questo sviluppo è dovuto ad effetti stagionali (neve/nebbia) e temporanei (grandi cantieri) e al cambiamento tecnologico (LED)”. La tecnologia LED è efficiente dal punto di vista energetico, ma purtroppo viene utilizzata in modo inefficiente e non sempre conforme ai requisiti. Gli animali e le piante ne risentono. L’inquinamento luminoso perturba anche il ritmo giorno-notte dell’uomo, che ha conseguenze sulla salute (i legami con il consumo di droghe, l’obesità, la depressione/suicidio, il cancro al seno, alla prostata e al colon sono stati provati a livello internazionale in città molto illuminate).

Dark-Sky Svizzera accoglie con favore le iniziative parlamentari delle scorse settimane.

Le iniziative politiche a livello federale e cantonale hanno riconosciuto l’urgenza della questione. La mozione “Lotta contro la mortalità degli insetti” è già stata accolta positivamente dal Consiglio federale. Dark-Sky Switzerland accoglie con favore anche la mozione della consigliera nazionale Delphine Klopfstein-Broggini (GP, GE), che chiede l’utilizzo dei mezzi disponibili per un cambiamento geografico, tecnologico e sociale verso un uso ecocompatibile della luce artificiale negli spazi esterni. Contemporaneamente, nel Cantone di Zurigo è stata lanciata un’iniziativa parlamentare con chiare modifiche della legge sulla pianificazione e la costruzione, che punta anch’essa in questa direzione.

Box Informativo

Dark-Sky Switzerland si impegna per la conservazione dei paesaggi notturni naturali e della biodiversità e per la protezione dell’uomo dall’inquinamento luminoso. Da oltre vent’anni, gli esperti di Dark-Sky sono attivamente coinvolti nella sensibilizzazione della popolazione e nella consulenza dei comitati di pianificazione e costruzione. Il movimento Dark-Sky unito all’International Dark-Sky Association è riuscito a premiare nel 2020, la prima nazione Dark-Sky, Niau Atoll nel Pacifico.

Fonte

Sabine Ziegler rileva da Rolf Schatz l’ufficio direttivo di Dark-Sky Switzerland

Il 7 gennaio Rolf Schatz ha consegnato la gestione dell’ufficio direttivo alla subentrante Sabine Ziegler.

Sabine Ziegler und Rolf Schatz bei der symbolischen Übergabe der Geschäftsleitung von Dark-Sky Switzerland
Sabine Ziegler riprende da Rolf Schatz la gestione di Dark-Sky Switzerland

Per il comitato Sabine Ziegler è stata una conoscenza casuale, si è dimostrata subito interessata e qualificata. Rappresenterà Dark-Sky Switzerland con una carica al 20%. Fortunatamente può anche corrispondere in francese, dato che proprio quest’anno il nostro rappresentante Romando, Eliott Guenat, si prenderà una pausa partecipando a un tour in bicicletta solare verso la Cina.

Sabine Ziegler porta con sé un ricco bagaglio. Ha studiato scienze ambientali al Politecnico federale di Zurigo, molti l’hanno conosciuta grazie alla sua precedente collaborazione politica con il PS nei consigli comunali e cantonali. Si è spesso occupata di sostenibilità e di questioni energetiche, ha proseguito la sua formazione in questi settori all’Università di San Gallo ed è stata nominata nel Consiglio di amministrazione dell’EKZ. Infine, ma non per questo meno importante, gestisce una propria società di consulenza in materia di mediazione ed è un’imprenditrice esperta.

A nome di Dark-Sky Switzerland diamo un caloroso e ufficiale benvenuto a Sabine Ziegler e le auguriamo successo e bei momenti con tutti i nuovi compiti.

Rolf Schatz ha gestito dal 2014 con successo l’ufficio direttivo di Dark-Sky Switzerland, nel 2019 ha dovuto purtroppo subire una battuta d’arresto per motivi di salute, che gli ha impedito di proseguire al ritmo desiderato. Abbiamo apprezzato il modo diretto di agire di Rolf, che ha avuto un buon feeling con le emergenti preoccupazioni delle autorità e della popolazione. Inoltre, egli è sempre stato solidale con la nostra causa,  la difendeva con forza e passione, poiché le sue altre attività lo avevano già reso un avvocato della natura. Ci ha comunicato per tempo le sue dimissioni ed esse sono effettive dal 2020.

Rolf Schatz si congederà ufficialmente da Dark-Sky Switzerland in occasione dell’assemblea generale del 12 marzo 2020, moderando per l’ultima volta la nostra assemblea generale.

Rimarrà membro di Dark-Sky Switzerland e continuerà a parlare a nome di Dark-Sky quando ci sarà l’occasione, nei propri ambiti specialistici.

Per il comitato
Lukas Schuler, Presidente

 

A proposito di «La Nuit Est Belle»

Il 26 settembre 2019 si è tenuta nella Grande Regione di Ginevra la manifestazione “La Nuit Est Belle”, promossa dal Museo di Storia Naturale di Ginevra e dalla Società Astronomica di Ginevra. Quella sera, l’illuminazione pubblica di oltre 110 comuni di Vaud, Ginevra e Francia non è stata accesa al calar della notte. Lo scopo dell’operazione era quello di offrire agli abitanti l’opportunità di riscoprire, per una sera, l’esperienza di una notte buia e di un cielo stellato e privo di inquinamento luminoso. Meravigliosamente organizzata con attività offerte in tutta la regione, la serata non è stata favorita dal tempo, tuttavia, poiché le nuvole erano numerose, hanno lasciato poche opportunità di osservare il cielo. Dei membri del comitato Dark-Sky erano presenti quella sera per tenere una conferenza a Chêne-Bougeries (GE) e venire ad assorbire l’effetto dell’estinzione nella città e nei suoi dintorni.

Il bacino di Ginevra visto dal Giura qualche tempo dopo, in ottobre, con un meteo più clemente….

Dalla cima del Salève o dal Giura, l’impressione dominante è che l’illuminazione non sembra essere cambiata! L’agglomerato emette ancora molta luce ed è difficile dire, senza alcun riferimento al confronto, se lo spegnimento è in atto o meno.  L’aeroporto di Ginevra-Cointrin appare chiaramente nel paesaggio come un punto di riferimento molto luminoso. Non è stato chiuso, né lo stadio di Ginevra, a causa di una partita programmata con largo anticipo che non poteva essere posticipata.

L’agglomerato di Ginevra visto dalla Salève. Il punto estremamente chiaro sulla sinistra è lo stadio, illuminato quella sera.

Ad un esame più attento, la maggior parte dell’illuminazione di quella sera era privata: segnaletica, percorsi privati, abitazioni, pubblicità, ecc. Questo ci indica che il contributo di questa illuminazione all’inquinamento luminoso totale di una città, che non è affatto trascurabile su larga scala.

Nel centro di Ginevra c’erano numerosi passanti per le strade, per caso o soprattutto per scoprire la loro città nell’ombra, senza che l’assenza di illuminazione stradale impedisse alle persone di camminare per la città.  Da notare che le famose insegne luminose del porto, anche se private, erano quasi tutte spente. Un contributo delle autorità è da riconoscere ed apprezzare! Nella Rues-Basses, molte vetrine erano spente. Quelle rimaste accese hanno sostituito l’illuminazione pubblica, al punto che la strada era lontana dall’essere descritta come buia. In questo caso è soprattutto l’alternanza tra la penombra e l’illuminazione di alcune finestre che impressiona, permettendo di rendersi conto dell’intensità di queste luci private, che illuminano ogni notte. Il flusso su questa via non era in alcun modo disturbato, anche se i passanti si rendono conto che le luci della strada sono spente.

Le Rues-Basses “spenta”

A differenza della Rues-Basses, la città vecchia sembra particolarmente buia, qui c’è pochissima illuminazione privata. L’effetto è rafforzato dal fatto che è generalmente accessibile da zone ancora molto luminose e che non consentono l’adattamento al buio.

Alcune strade della Città Vecchia erano davvero al buio.

Vicino alle Rues Basses e intorno alla Rade, molte terrazze di bar e ristoranti sembrano approfittare dello spegnimento dell’illuminazione per creare un’atmosfera particolare: candele, luci e lampade colorate….. Molti di loro hanno apprezzato l’evento, godendo di questa atmosfera unica con un bicchiere di vino in mano con gli amici.

La place du Molard: ‘absence d’éclairage publique n’est pas synonyme d’inactivité !

Quando ci si allontana da negozi e vetrine ancora illuminate, il traffico di auto, biciclette e pedoni diventa più delicato e richiede maggiore attenzione, soprattutto tra pedoni e biciclette, la prima non necessariamente visibile e la seconda non sistematicamente dotata di luci. Alcune le forze dell’ordine municipali hanno prestato particolare attenzione a questo punto, allertando i ciclisti con luci spenti e distribuendo kit di luci (e talvolta anche una multa…..). In ogni caso, il traffico è più cauto e lento, poiché gli automobilisti si adattano a queste nuove condizioni. Per i pedoni, è soprattutto l’alternanza tra zone scure e zone illuminate che disturba, poiché l’occhio perde immediatamente il suo adattamento al buio e viene spesso abbagliato.

Una bicicletta che si avvicina su strada

A mezzanotte l’illuminazione pubblica del cantone di Ginevra è stata riaccesa, a differenza della maggior parte dei comuni francesi della regione che hanno partecipato all’evento e hanno tenuto le luci spente per tutta la notte. Anche se questa ri-illuminazione è piuttosto infelice, poiché è soprattutto nel cuore della notte che lo spegnimento dell’illuminazione pubblica è più rilevante, ha permesso di fare un confronto tra i luoghi con e senza illuminazione pubblica. Le immagini seguenti mostrano la stessa scena prima e dopo l’accensione dell’illuminazione.

Durante e dopo lo spegnimento: vicino al ponte di Bergues
Durante e dopo lo spegnimento: la place Bel Air
Vista del bacino di Ginevra durante lo spegnimento dal Giura
Vista del bacino di Ginevra senza spegnimento dal Giura

Nonostante le condizioni meteorologiche non favorevoli all’osservazione del cielo stellato, l’evento La Nuit Est Belle è senza dubbio riuscito ad offrire agli abitanti della Grande Ginevra l’opportunità di vivere per una serata in una regione altrimenti illuminata e di aprire discussioni sul significato che vogliamo dare alla nostra illuminazione pubblica. Le reazioni sui social network e sui giornali sono state generalmente positive, con molte voci che invitano a ripetere l’esperienza ogni anno, anche ogni sera….. Mentre altri sono stati indignati da questo evento, vedendolo come una grave violazione del loro comfort e della loro sicurezza. Fortunatamente, la maggior parte delle reazioni pubblicate sono state più sfumate, ma comunque positive. Va notato che la polizia ginevrina non ha notato alcun aumento della criminalità o degli incidenti quella notte.  L’azione è stata ampiamente riportata dalla stampa francofona e francofona, e anche al di là dell’Atlantico. Dark-Sky Switzerland si congratula con i promotori del progetto e con i comuni che hanno avuto il coraggio di partecipare a questa avventura, che contribuisce a cambiare la mentalità sul rapporto delle nostre società con la notte, l’illuminazione pubblica e l’ambiente notturno in generale. Diversi comuni stanno già adottando misure a lungo termine per ridurre l’inquinamento luminoso, anche grazie al segnale molto incoraggiante de “La Nuit Est Belle”.