Proprietari di casa

Raccomandazione dell’ Associazione internazionale di Dark-Sky (IDA)  in collaborazione con la Società degli ingegneri in illuminazione (IES) del 19 Avrile 2020 per la Settimana internationale di Dark Sky per

Un’illuminazione domestica rispettosa del cielo stellato

Cinque regole per proteggere la notte dall’inquinamento luminoso.

1 – L’illuminazione ha uno scopo chiaro e necessario?

La luce permette di orientarsi in sicurezza e aiuta a svolgere le attività. Nell’esempio qui sotto, la luce illumina solo l’ingresso della casa e le scale dove serve.
Se pensate che la luce sulla vostra proprietà sia inutile o inutilizzata, rimuovetela o rendetela inutilizzabile in modo che non possa essere accesa accidentalmente.

2 – La luce va solo dove serve ?

Dirigete la luce verso il basso, non verso il cielo, e montate delle schermature in modo che la luce non rischiari oltre l’area utile.
All’altezza degli occhi, la sorgente luminosa deve rimanere orizzontale rispetto alla schermatura o sollevata all’interno della stessa.

Se la luce dovesse diffondersi oltre l’area utile, installare schermature adeguate e/o riallineare l’apparecchio in modo che la luce non vada oltre l’area utile. Fare particolare attenzione che la luce diretta non raggiunga il cielo o le proprietà vicine.

3 – Il flusso luminoso è adeguato allo scopo previsto?

Utilizzare il più basso livello di emissione luminosa possibile, sufficiente per l’attività prevista. Nella terminologia tecnica, per emissione luminosa si intende il flusso luminoso misurato in lumen. Quindi controllare le sorgenti luminose e utilizzare i valori di lumen più basso possibile. Una lampadina da 60 Watt (W) del passato corrisponde a circa 800 lumen (lm).

La luce eccessiva può contribuire all’abbagliamento, che rende più difficile vedere le cose con chiarezza. Se trovate l’emissione di luce intorno alla vostra casa troppo luminosa per lo scopo previsto, considerate la possibilità di passare a una fonte di luce o a una lampada con un valore di lumen inferiore.

4 – La luce può essere controllata in base alle esigenze?

Ogni luce esterna deve essere collegata ad un interruttore della luce, un timer e/o un sensore di movimento in modo che le luci funzionino solo quando necessario.

Le luci per esterni che non possono essere facilmente azionate con un interruttore della luce devono essere combinate con un interruttore a tempo o un sensore di movimento*. I rilevatori di movimento devono essere impostati su tempi di 5 minuti o meno. Gli interruttori crepuscolari non sono consigliati perché forniscono luce per tutta la notte, anche quando nessuno ne ha bisogno.

*Accertarsi che il sensore reagisca solo alle persone presenti.

5 – La sorgente di luce ha una tonalità di  colore calda?

La maggior parte delle sorgenti luminose prodotte oggi hanno una specifica Kelvin stampata su di esse. I bassi valori Kelvin (3000 Kelvin o meno) sono chiamati caldi e generalmente producono meno luce blu dannosa rispetto ad alti valori di Kelvin.
Per l’illuminazione domestica, ci sono buoni prodotti con 2700 Kelvin o inferiori.

Definizioni

Apparecchio di illuminazione:

Un apparecchio elettrico che produce luce artificiale con una lampada elettrica. Un involucro può contenere una o più lampade che sono installate in modo permanente o possono essere sostituite dall’utente (ad es. lampadine con basi a vite o tubi con basi a innesto).

Lampada:

La lampadina o un altro componente della lampada che produce luce. I componenti che generano luce (ad es. LED incorporati) integrati in un alloggiamento o in un modulo sono considerati parte della lampada, ma non sono materiale riflettente che dirige la luce.

Schermatura:

Quella parte della lampada che copre e scherma la lampada o le lampade. Un apparecchio d’illuminazione completamente schermato ha un involucro costruito in modo che nella posizione di montaggio tutta la luce emessa sia irradiata al di sotto del piano orizzontale (piano a 90° attraverso il punto più basso di emissione della luce dell’apparecchio). La schermatura deve essere tale che la lampada rimanga nascosta all’interno di essa.

Temperatura del colore correlata (CCT):

Misura delle proprietà cromatiche della luce prodotta dalle lampade, paragonabile alla temperatura in Kelvin (K) di un radiatore ad incandescenza il cui spettro è simile a quello della sorgente luminosa. Più alta è la temperatura di colore in Kelvin, più la luce appare fredda (più blu). I valori Kelvin sono tipicamente stampati dai produttori di lampade su schede tecniche, imballaggi o sorgenti luminose a LED):

Lumen :

L’unità SI del flusso luminoso corrisponde alla luce emessa da una candela che passa attraverso l’angolo solido di uno steradiante al secondo. Più grandi sono i lumen emessi, più luminosa è la fonte di luce che appare a noi umani.

Controllo attivo:

Qualsiasi circuito elettronico o meccanico collegato alla lampada per consentire il controllo dinamico della durata, dell’intensità, dello spettro o dell’area illuminata della lampada.

 

Fonte delle pagine originali con ulteriori consigli e possibilità di certificazione da parte di IDA (in inglese) :

» Dark Sky Friendly Home Lighting Program

 

Questo contributo si può leggere in: Tedesco