Consegnata oggi a Berna con 165’512 firme la petizione «chiediamoci perché scompaiono gli insetti»

La strisciante moria degli insetti preoccupa la popolazione svizzera. Nel giro di 100 giorni 165’512 persone hanno firmato la petizione «chiediamoci perché scompaiono gli insetti» lanciata dai Amici della Natura Svizzera, Dark-Sky Switzerland, dell’Unione Svizzera dei Contadini e da apisuisse. La petizione è stata consegnata questa mattina al Consiglio federale ed al Parlamento. Le associazioni implicati chiedono alle autorità federali di intervenire con urgenza sul tema. La Commissione dell’Ambiente del Consiglio nazionale dovrebbe occuparsene già della sua seduta di febbraio 2019.

Gli insetti sono una parte insostituibile del nostro ambiente. Molti di loro sono minacciati se non addirittura già estinti anche in Svizzera. Insieme agli insetti scompaiono anche gli animali che se ne nutrono. L’atlante svizzero degli uccelli nidificanti uscito in novembre mostra quanto siano drammatiche le conseguenze per gli uccelli insettivori. Oltre a minacciare molte specie di animali e di piante, la moria di insetti compromette anche una grande parte della produzione alimentare dell’uomo e dunque le basi stesse della nostra sopravvivenza. Nell’intento di sensibilizzare l’opinione pubblica e i politici all’urgenza di questo problema, il 4 settembre 2018 Amici della Natura Svizzera, Dark-Sky Switzerland, Unione svizzera dei contadini e l’associazione mantello degli apicoltori svizzeri apisuisse hanno lanciato la petizione «Chiediamoci perché scompaiono gli insetti».

La petizione chiede al Consiglio federale ed al Parlamento

  • di voler informare scientificamente sulle ragioni e sulla portata della scomparsa degli insetti nelle varie regioni della Svizzera e di voler mettere tempestivamente a disposizione le risorse finanziarie sufficienti a questo scopo;
  • di voler prontamente e coerentemente applicare i piani d’azione in materia di biodiversità, di salute delle api e di prodotti fitosanitari;
  • di voler implementare nuove misure efficaci, ad esempio per sostenere spazi vitali più numerosi e per ridurre l’inquinamento luminoso;
  • di voler informare la popolazione sull’inestimabile contributo dato dagli insetti alla protezione dell’ecosistema e al benessere dell’umanità.

La petizione ha trovato una grande eco nella popolazione tanto che in 100 giorni sono state raccolte 165’512 firme facendola diventare una delle petizioni di maggior successo in Svizzera. Un importante contributo lo hanno dato anche quelle persone che, al di fuori delle organizzazioni coinvolte e dei politici, di propria iniziativa si sono dedicate alla raccolta di firme. Il massiccio sostegno tributato alla petizione testimonia che alla popolazione preme che il problema sia affrontato con determinazione.

page1image26128 page1image26296 page1image26464 page1image26632

Altri sostenitori:

page1image27328 page1image27496 page1image27664 page1image27832 page1image28000

Le organizzazioni implicati hanno consegnato questa mattina 13 dicembre le firme raccolte in presenza di numerosi Consiglieri nazionali e agli Stati. Chiedono un’azione rapida ed efficace per contrastare la moria di insetti con il coinvolgimento di tutti gli interessati. La Commissione dell’Ambiente del Consiglio nazionale dovrebbe occuparsene già della sua seduta di febbraio 2019.

Maggiori informazioni:

Dark-Sky Switzerland, Lukas Schuler, Tel. 044 741 10 62

Petizione – Chiediamoci perché scompaiono gli insetti

Nel corso degli ultimi trent’anni è scomparsa oltre la metà degli insetti. Questa evoluzione non è solo una minaccia per numerosi animali e piante, ma mette in pericolo la salvaguardia delle nostre risorse naturali, ragione per cui abbiamo deciso di lanciare un appello alle autorità affinché agiscano in modo rapido ed efficace.
Con la presente chiediamo al Consiglio federale e al Parlamento:
  • di voler informare scientificamente sulle ragioni e sulla portata della scomparsa degli insetti nelle varie regioni della Svizzera e di voler mettere tempestivamente a disposizione le risorse finanziarie sufficienti a questo scopo;
  • di voler prontamente e coerentemente applicare i piani d’azione in materia di biodiversità, di salute delle api e di prodotti fitosanitari;
  • di voler implementare nuove misure efficaci, ad esempio per sostenere spazi vitali più numerosi e per ridurre l’inquinamento luminoso;
  • di voler informare la popolazione sull’inestimabile contributo dato dagli insetti alla protezione dell’ecosistema e al benessere dell’umanità.

Co-firmare i parlamentari (Consiglieri nazionali):
Maya Graf (Vert, BL)
Silva Semadeni (PS, GR)
Markus Ritter (PDC, SG)
Bernhard Guhl (PBD, AG)
Lisa Mazzone (Vert, GE)
Isabelle Chevalley (Vert liberaux, VD)
Karl Vogler (CSP, OW)

Supporto passivo da parte di altre organizzazioni:
WSL
Papiliorama
Biosuisse
Stazione Ornitologica Svizzera
Greenpeace
Slow-Food Switzerland
Naturama Aarau

Link alla petizione su moria-degli-insetti.ch

Informatione Complementare

Quello che abbiamo potuto osservare da tempo nel mondo delle api deve essere allargato a numerosi altri insetti. Ricerche effettuate in Germania hanno rivelato che nel corso degli ultimi trent’anni sono scomparsi oltre la metà di tutti gli insetti. Al momento non è ancora dato a sapere in quale misura ciò concerna anche la Svizzera. Osservando attentamente ci si rende però conto che, di giorno come di notte, si sentono molto meno ronzii e fischi causati dagli insetti di una volta, che nel bagliore dei lampioni ne svolazzano sempre meno, per non parlare del parabrezza dell’auto che rimane spesso pulito anche dopo un lungo percorso. Può darsi che a qualcuno questi fenomeni piacciano, ma la situazione deve preoccupare perché gli insetti sono di fatto un elemento insostituibile del nostro ecosistema.

Decine di insetti sono attratti da una fredda lampada blu e cacciati da una specie di pipistrello tollerante alla luce.

Uccelli, rane, pesci, porcospini, pipistrelli e tanti altri animali si nutrono di insetti. Senza insetti, pure loro scompariranno. Lo stesso destino è riservato alle piante, siano esse selvatiche o coltivate, che dipendono dall’impollinazione degli insetti. La scomparsa degli insetti costituisce pure una minaccia per la produzione alimentare, per gli interi ecosistemi e di conseguenza per le nostre risorse naturali!

Al momento le ragioni della scomparsa degli insetti in Svizzera possiamo in parte solo immaginarle. Lo sfruttamento intensivo dell’ambiente da parte dell’uomo gioca ovviamente un ruolo chiave. In agricoltura la discussione si è focalizzata sull’utilizzo di alcuni prodotti fitosanitari. Il ritmo sfrenato delle costruzioni edili, la cementificazione del paesaggio e l’inquinamento luminoso sono sotto gli occhi di tutti. Una cosa è certa: per poter decidere delle misure adeguate servono degli studi approfonditi e fatti concreti. Bisogna inoltre informarne la popolazione e gli inquinatori affinché ciascuno possa dare il suo contributo: imprese, agricoltori, forestali, Comuni, Municipalità, Cantoni e Confederazione.

Ecco perché ci appelliamo al Consiglio federale e al Parlamento affinché facciano luce sul problema della scomparsa degli insetti, informino la popolazione e introducano al più presto le misure necessarie. Se il bisogno di intervenire è già giustificato, non bisognerà indugiare oltre: le misure già decise in merito alla salvaguardia della biodiversità, della salute delle api ed alla limitazione dei prodotti fitosanitari devono essere applicate senza indugi.

Con la tua firma a sostegno di questa petizione puoi mandare un segnale forte alle autorità competenti, invitandole ad agire e ad affrontare con concretezza il problema ambientale!

 

Gli scienziati avvertono: I LED efficienti raddoppieranno presto l’inquinamento luminoso

Gli scienziati avvertono: I LED efficienti raddoppieranno presto
l’inquinamento luminoso

Spettabili redazioni

Si prega di notare il nostro appello alle autorità e alla politica a
proposito di temi di attualità:
Dark-Sky Switzerland ha preparato una mappa Svizzera, basata sul nuovo
atlante mondiale dell’inquinamento luminoso del fisico Fabio Falchi. I fatti
che abbiamo riscontrato sono inquietanti.

» Comunicato di stampa

Karten/Carte/Mappe PDF (7.2 MB)

<CH-artificial-sky-brightness-atlas-2015.pdf>

<CH-artificial-sky-brightness-atlas-2015-LED4000CCT.pdf>

Karten/Carte/Mappe JPEG (2.4 MB)

<CH-artificial-sky-brightness-atlas-2015.jpg>

<CH-artificial-sky-brightness-atlas-2015-LED4000CCT.jpg>

Domande all’ufficio di Dark-Sky Switzerland:

Deutschschweiz:

Rolf Schatz
office@nulldarksky.ch <mailto:office@nulldarksky.ch>
044 796 17 70

Suisse romande/italienne:

Stefano Klett
stefano.klett@nulldarksky.ch
076 693 31 13

Con i nostri migliori saluti

Rolf Schatz
Leiter Geschäftsstelle
Postfach
8135 Langnau am Albis

G: 044 796 17 70
info@nulldarksky.ch
www.darksky.ch

 

Comunicato Stampa – La petizione contro gli spettacoli luminosi nelle Alpi è giunta al termine con successo

Comunicato Stampa 11. 02.2015 La petizione è stata indotta dal progetto «13 etoiles» («13 stelle»), che nel 2015 prevede l’illuminazione scenica di 26 cime vallesane. L’idea, che non è nuova, mette a rischio gli ultimi rifugi notturni naturali.

consegnapetizioneLa petizione chiede al governo federale, il rispetto per legge delle norme in materia di utilizzo dell’illuminazione esterna fuori delle zone urbane esistenti. Più di 5000 firmatari la pensano così. Nel comitato di sostegno che ci ha supportato con molta efficacia, appartengono personalità di spicco, che hanno fatto parte di consigli cantonali e del nazionale, nonché ambientalisti e artisti provenienti da tutto il paese.

Un grande successo per Dark-Sky Switzerland, che non pensava di raggiungere un numero così alto di firme.

È importante che tutta la regione alpina venga protetta dalle emissioni luminose inutili.

Dark-Sky Switzerland ha consegnato la petizione «per la preservazione della notte nello spazio alpino» alla consigliera federale Doris Leuthard il 10 Febbraio 2015.

Petizione: «Per la preservazione della notte nello spazio alpino»

http://www.darksky.ch/petizione

con i migliori saluti

Dark-Sky Switzerland
Rolf Schatz
Leiter Geschäftsstelle
Postfach
8135 Langnau am Albis

G: 044 796 17 70
info(at)darksky.ch
www.darksky.ch

 

COMUNICATO STAMPA: Petizione Dark-Sky Switzerland: Prima tappa raggiunta in 3 giorni!

In più di 1’000 hanno firmato la petizione, la raccolta firme continua “Vogliono irradiare di luce le Alpi: fermiamoli! LASCIAMO CHE LA NATURA POSSA DORMIRE IN PACE!“ Questo è lo slogan della petizione internazionale, che è partita dalla sezione ticinese di Dark-Sky Switzerland, e che sta avendo un gran successo.

Comunicato Stampa

30.04.2014

A tutti gli organi di informazione, pregandovi di pubblicare quanto segue.

Petizione Dark-Sky Switzerland: Prima tappa raggiunta in 3 giorni! In più di 1’000 hanno firmato la petizione, la raccolta firme continua

Une illumination coloree est visible au sommet de la montagne "aiguille de la Tza" lors d'un test du "Projet Etoile: 13 etoiles au sommet" ce mardi soir 26 novembre 2013 a Arolla en Valais. Ce projet est un des projets qui vont marque les festivites des 200 ans de l'entree du Valais dans la Confederation Suisse en 2015. (KEYSTONE/Jean-Christophe Bott)

“Vogliono irradiare di luce le Alpi: fermiamoli!
LASCIAMO CHE LA NATURA POSSA DORMIRE IN PACE!“

Questo è lo slogan della petizione internazionale, che è partita dalla sezione ticinese di Dark-Sky Switzerland, e che sta avendo un gran successo.

Avevamo pianificato di raccogliere 1’000 firme entro estate ed invece abbiamo raggiunto l’obbiettivo in 3 giorni.

Questo dimostra una buona sensibilità contro l’utilizzo sconsiderato della luce.

La raccolta firma continua sul sito http://www.darksky.ch/petizione

Persona di riferimento per la Svizzera di lingua italiana:

Stefano Klett
vice presidente Dark-Sky
stefano.klett(at)darksky.ch
076 – 693 31 13

2014-04-30-it

 

COMUNICATO STAMPA: Petizione: «Per la preservazione della notte nello spazio alpino»

Vogliono irradiare di luce le Alpi: fermiamoli! LASCIAMO CHE LA NATURA POSSA DORMIRE IN PACE!

Comunicato Stampa

27.04.2014

Une illumination coloree est visible au sommet de la montagne "aiguille de la Tza" lors d'un test du "Projet Etoile: 13 etoiles au sommet" ce mardi soir 26 novembre 2013 a Arolla en Valais. Ce projet est un des projets qui vont marque les festivites des 200 ans de l'entree du Valais dans la Confederation Suisse en 2015. (KEYSTONE/Jean-Christophe Bott)

A tutti gli organi di informazione, certi del loro sostegno.

Vogliono irradiare di luce le Alpi: fermiamoli! LASCIAMO CHE LA NATURA POSSA DORMIRE IN PACE!

Petizione: «Per la preservazione della notte nello spazio alpino»

Dark-Sky Switzerland* è seriamente preoccupata del continuo aumento delle illuminazioni nelle Alpi. Sempre più spesso, a scopo turistico e scenografico, vengono inquinare, tramite radiazioni elettromagnetiche di luce, intere zone naturali.

A questo scopo, Dark-Sky Switzerland, lancia una petizione rivolta al Governo svizzero, tramite la Consigliera federale Doris Leuthard, in modo che queste illuminazioni vengano finalmente regolamentate.

La sottoscrizione alla petizione è aperta a tutti.

Aiutateci a difendere la natura nelle Alpi, impediamo che questo scempio possa continuare.

Le fotografie di cosa stanno facendo alle Alpi come tutte le indicazioni sulla Petitione sono disponibili sul sito: www.darksky.ch/petizione

Questa Petizione è supportata ufficialmente da varie associazioni, tra le quali:

  • Società Astronomica Svizzera
  • International Dark-Sky Assiciation
  • Cielobuio
  • Società Astronomica Ticinese
  • Mountain Wilderness

Per sapere chi sono le personalità che supportano questa petizione, seguiteci sul sito della petizione: http://www.darksky.ch/petizione

Persona di riferimento per la Svizzera di lingua italiana: Stefano Klett vice presidente Dark-Sky stefano.klett@nulldarksky.ch 076 – 693 31 13

* Promotore della petizione: Dark-Sky Switzerland (DSS) è una organizzazione non-profit che fornisce informazioni per un corretto utilizzo della luce artificiale, in armonia con l’uomo e la natura. Il suo impegno è la conservazione della biodiversità, l’ambiente naturale e un uso mirato delle risorse.

www.darksky.ch

2014-04-27 Comunicato Stampa