Festa della Sostenibilità – 10 settembre 2022 a Bellinzona

Anche quest’anno  Dark-Sky Switzerland sarà presente l’10 settembre 2022 a Bellinzona.

Sarà possibile simulare l’inquinamento luminoso sulla visione celeste., Come pure visionare un modello con il quale si può interagire con diverse tipologie di illuminazione.

L’idea è di entrare in contatto con le persone per sensibilizzarle su questa problematica che spesso viene sottovalutata.

Venite a trovarci a Bellinzona.

la Regione: Inquinamento luminoso, in Ticino aumentano i valori rilevati

>> Articolo su La Regione Ticino

Uno studio dell’Ufficio di statistica mostra che dal 2016 al 2019 la crescita è continua: ‘Conseguenze e ripercussioni negative su uomo e natura’

di Jacopo Scarinci

L’inquinamento luminoso è un problema sempre più diffuso anche in Canton Ticino. Lo attesta uno studio svolto dall’Ufficio di statistica (Ustat) in collaborazione con la Sezione della protezione dell’aria, dell’acqua e del suolo (Spaas) e diversi servizi interni ed esterni all’Amministrazione cantonale che si occupano di dati ambientali e territoriali. In generale, si legge nella scheda contenuta in ‘Statistica ticinese dell’ambiente e delle risorse naturali’, “si osserva un aumento dei valori di radianza dal 2016 al 2019 in quasi tutti i punti di rilevamento”. Per radianza si intende “la quantità di luce emessa verso lo spazio da un punto sulla superficie terrestre”, e i suoi valori più alti si sono rilevati a Chiasso, Mendrisio e Canobbio; i valori più bassi a Olivone e Leontica.

Il problema della crescente urbanizzazione
“Gli impianti di illuminazione sovradimensionati o mal concepiti disperdono gran parte della luce prodotta nell’ambiente e nel cielo”, così si crea un inquinamento luminoso che “ha ripercussioni negative sull’uomo e sulla natura”, rileva ancora l’Ustat. Questa diffusione “incontrollata” della luce è “spinta dalla crescente urbanizzazione e ha come conseguenze la privazione del cielo stellato, lo spreco energetico, disturbi del ritmo biologico e cambiamenti comportamentali per esempio delle specie migratorie”.

La ricerca in questo campo è in continua evoluzione, e “per permettere un’analisi delle emissioni luminose di più facile interpretazione, Dark-Sky Switzerland ha introdotto come unità di misura una fonte di luce naturale: la luna piena”. Qualcosa che, quindi, conosciamo tutti e tutti possiamo usare come metro di paragone leggendo questo studio. Ebbene si stima che “nel 2020 le emissioni luminose nei centri urbani di Chiasso, Mendrisio, Lugano e Locarno abbiano superato valori di 8 lune, mentre condizioni di buio naturale siano state presenti nelle valli del Sopraceneri”.

L’effetto ‘positivo’ del lockdown del 2020
L’uomo ha un ruolo in queste irradiazioni di luce artificiale al di là delle aree cui è dedicata, nel senso che “confrontando la media degli anni 2014-2019 con la media di marzo-aprile 2020, si nota come le emissioni luminose totali in Svizzera siano diminuite di circa l’1,2% nel periodo della pandemia, valore che generalmente corrisponde all’aumento annuale”. Secondo lo studio di Ustat e Spaas “da una prima analisi risulta come i centri cittadini siano stati leggermente meno illuminati; situazioni che, come ipotizzato da Dark-Sky Switzerland, potrebbe essere legata ai commerci chiusi e a una probabile diminuzione dell’illuminazione privata”.

La soluzione? Passa anche da piccoli accorgimenti
Ad ogni modo per migliorare la situazione si può far qualcosa, anche di piccolo. La riduzione dell’inquinamento luminoso può essere raggiunta “grazie a tecnologie moderne”, certo, ma anche semplicemente “correggendo l’orientamento e la posizione stessa degli apparecchi luminosi, direzionando il flusso di luce dall’alto verso il basso ed evitando illuminazioni superflue”. In più, si può anche “gestire in modo autonomo la distribuzione della luce, limitando la durata e adottare impianti a ridotta potenza luminosa”. E quando si parla di qualche piccolo accorgimento ma comunque utile, ci si riferisce anche solo a “un utilizzo di Led con tonalità di luce il più calda possibile”, in quanto “producono un inquinamento luminoso minore, seppur con un’efficienza energetica inferiore rispetto ai Led freddi”.

L’interpellanza dei Verdi di Bellinzona
Sul tema ricordiamo che i Verdi di Bellinzona hanno recentemente inoltrato un’interpellanza al Municipio in cui ricordano che “il piano energetico cantonale chiede a tutti gli enti locali di ridurre il consumo energetico di almeno il 40% rispetto ai valori di consumo del 2008″ e segnalano vari punti della Città dove a loro dire questo spreco energetico si verifica”. La richiesta conseguente è sapere quali iniziative intenda prendere il Municipio per contrastare il fenomeno dell’inquinamento luminoso.

I Verdi bellinzonese – Inquinamento luminoso – Gli effetti della luce su flora, fauna, salute e economia

Inquinamento luminoso
Gli effetti della luce su flora, faunasalute e economia!
Conferenza Online zoom
martedì 1° febbraio 2022, alle 20h00

Proposte e discussione su che cosa i comuni possono fare concretamente per ridurre l’inquinamento luminoso.

Relatori:

Stefano Klett, vice presidente Dark-Sky Switzerland e responsabile sezione Ticino

Marzia Mattei-Roesli, biologa, Centro protezione chirotteri Ticino

Benvenuto e introduzione:

Elisa Chiapuzzi, ergoterapista, Coordinatrice Verdi del Bellinzonese

Erika Franc, biologa, membro del Comitato Verdi di Bellinzona

https://zoom.us/j/96094496820?pwd=K1F0bllZVDRTeDJQZ2RlbTN4eHUzdz09

RSI LA2 – Greenday di Bellinzona

Quest’anno abbiamo partecipato al Greenday di Bellinzona. Durante tutta la giornata abbiamo avuto l’opportunità di sensibilizzare il pubblico sulla problematica dell’inquinamento luminoso.

È stato anche possibile rilasciare un’intervista per la trasmissione RSI LA2 “il Giardino di Albert”, il contributo è stato ulteriormente arricchito con dall’intervento di Marzia Mattei sulla una problematica concreta inerente i Chirotteri (Pipistrelli):

 

 

Festa della Sostenibilità – 11 settembre 2021 a Bellinzona

Gli aspetti inerenti l’inquinamento luminoso sono un tassello importante della sostenibilità. Quest’anno Dark-Sky Switzerland sarà presente l’11 settembre 2021 a Bellinzona.

Sarà possibile simulare l’inquinamento luminoso sulla visione celeste., Come pure visionare un modello con il quale si può interagire con diverse tipologie di illuminazione.

L’idea è di entrare in contatto con le persone per sensibilizzarle su questa problematica che spesso viene sottovalutata. Recenti studi mostrano l’importanza del buio notturno naturale per la biodiversità. A riguardo ci sono studi che mostrano che buna parte dell’impollinazione avviene durante la notte e che la privazione del buio diminuisce drasticamente questo importante tassello per la biodiversità.

Non vediamo l’ora di incontrarvi di persona a Bellinzona.

 

RSI-RETE UNO: Riflettori puntati e luci accese – ma non troppo! – sull’inquinamento luminoso

Con Antonio Bolzani e Nicola Colotti

In Svizzera, a scadenze regolari, i Cantoni e i Comuni dichiarano di voler ridurre e prevenire l’inquinamento luminoso che produce degli effetti negativi sia sull’ambiente sia sulla vita dell’uomo e degli animali e, tra gli obiettivi di politica ambientale, c’è anche quello di contenere le emissioni luminose e i consumi nell’ambito dell’illuminazione pubblica. Ricordiamo che l’inquinamento luminoso è lo schiarimento artificiale del cielo notturno che provoca un effetto di disturbo alle persone e alla natura, un inquinamento presente anche in Svizzera. Nelle montagne il cielo stellato risulta essere davvero migliore che sull’Altipiano, in pianura e nelle agglomerazioni cittadine. Tuttavia, in tutto il nostro Paese non c’è più un luogo dove l’oscurità raggiunge un livello di buio naturale. L’inquinamento luminoso è un fenomeno globale documentato da immagini satellitari che mostrano quanto esso sia impressionante e come esso sia accentuato soprattutto nei paesi industrializzati. Le notti sono quindi sempre più illuminate artificialmente con conseguenze di fastidio, di disturbo e di cambiamenti d’abitudini per uomini e animali. Prevenire l’uso di illuminazioni inefficienti, moleste e dirette verso spazi e occhi dove l’illuminazione non è necessaria è dunque uno dei mezzi di contenimento così come spegnere le fonti luminose inutili, cioè evitare le luci nei luoghi sbagliati e nei momenti non necessari. Le soluzioni per risolvere il problema dell’inquinamento luminoso esistono ma -ci si chiede- se tutti ne sono consapevoli e si faccia abbastanza. Insomma c’è davvero una sensibilità accresciuta attorno al problema? Dove bisogna recarsi per ammirare il cielo con le sue stelle cadenti? Quanto e come sono cambiate le illuminazioni pubbliche? Grazie al progresso tecnologico, nell’ambito privato si risparmia molta energia ma si produce sempre più luce. Anche l’architettura, con le sue ampie facciate in vetro, contribuisce ad un’accresciuta e costante illuminazione all’esterno. A questo proposito, gli architetti, quando progettano un edificio, pensano all’inquinamento luminoso? A queste e ad altre domande rispondono gli esperti della puntata di Uno Oggi.

Sono ospiti:
Stefano Klett
, vice presidente e coordinatore della Sezione Ticino di Dark Dark-Sky Switzerland (DSS), organizzazione non-profit che informa sulla necessità e le possibilità di usare in modo ponderato la luce artificiale
Marzia Mattei-Roesli, biologa e responsabile del Centro protezione chirotteri Ticino
Sergio Kraschitz, collaboratore scientifico dell’Ufficio della prevenzione dei rumori della Divisione dell’ambiente del Dipartimento del territorio
Francesco Fumagalli, astrofilo e responsabile dell’Osservatorio astronomico Calina di Carona e di quello della Capanna di Gorda in Val di Blenio
Claudio Caccia, ingegnere e responsabile regionale dell’Associazione Città dell’energia
Giuseppina Togni, membra di comitato dell’Agenzia svizzera per l’efficienza energetica