Rete 1 – Magie di (troppe) luci aspettando il Natale: quanto consumano le varie illuminazioni?

Oggi desideriamo fare luce… sull’inquinamento luminoso in generale e sui consumi energetici delle varie luminarie e ghirlande natalizie esposte nei balconi, nei giardini e nelle vie e nelle piazze di città e paesi. Per una buona efficienza energetica è sicuramente meglio sapere cosa, perché, come e quanto illuminare ed allora nella consulenza odierna vi offriamo dei consigli su quali lampade e apparecchi a LED scegliere e acquistare e su come accendere, senza eccessi, il vostro Natale. Insomma, meno elettricità per una migliore luce.

» Magie di (troppe) luci aspettando il Natale: quanto consumano le varie illuminazioni?

 

RSI: La notte è in pericolo

https://www.rsi.ch/g/9822196

L’inquinamento luminoso, che si estende progressivamente, sta facendo sparire la notte

Un gruppo di studiosi, in uno studio pubblicato giovedì sulla rivista Science Advances, ha sottolineato come nel corso degli anni l’illuminazione artificiale si sia intensificata. Per quanto riguarda Stati Uniti ed Europa, il fenomeno è rimasto stabile. L’incremento è dovuto invece all’estensione della rete elettrica in alcuni paesi dell’Africa, dell’Asia e dell’America latina.

L’inquinamento luminoso ha gravi conseguenze sulla salute dell’uomo: modifica il bioritmo, incide sul sonno alterando l’equilibrio psicofisico, favorisce l’insorgere di tumori, diabete e obesità. Nemmeno animali e flora sono risparmiati. La troppa illuminazione modifica i comportamenti riproduttivi di uccelli e animali notturni, così come l’impollinazione da parte degli insetti. Mentre gli alberi piantati fioriscono in anticipo rispetto al normale.

La troppa luce artificiale non solo rende sempre più difficile vedere a occhio nudo le stelle e la Via Lattea, ma rischia anche di fare sparire la notte.

BBC/RedMM

20Minuti – «Queste Luci disturbano il sonno e i viciniLichter stören den Schlaf der Nachbarn»

L’ illuminazione natalizia dei proiettori si diffonde in tutta la Svizzera.  L’associazione Dark-Sky, ne è tutt’ altro che soddisfatta

» Natale con i proiettori laser: (pdf)

Lo scorso anno abbiamo osservato per la prima volta questo sviluppo e ora la tendenza si sta intensificando. E’ una sciocchezza del genere. Fondamentalmente, qualsiasi luce che si muove, sfarfalla, lampeggia o lampeggia non è una cosa buona.

La sicurezza stradale. Quando la luce passa vicino al muro della casa, può causare irritazione agli automobilisti. Anche la fauna è disturbata. Soprattutto gli insetti, che si orientano sul cielo stellato, si confondono. E la luce monocromatica emessa dai laser disturba quasi tutto il mondo animale, compresi gli esseri umani. Soprattutto quando non è giallo ma verde, blu o viola e crea un effetto caleidoscopico. Colui che installa tali luci non favorisce i vicini e disturba il loro sonno.

Inoltre ci si chiede, cosa abbiano a che fare queste illuminazioni con il Santo Natale.

LaRegione: Led, s’illumian d’immenso

Le ombre del gruppo LiSA sulle luci Led Terre di Pedemonte, alcuni cittadini si lamentano per il disturbo arrecato dalle luci dei lampioni TI-PRESS A me gli occhi Un’interrogazione del gruppo rossoverde LiSA al Municipio chiede spiegazioni al riguardo di questa problematica. I candelabri lungo le strade e nelle piazze in alcuni casi proiettano troppa luce e questo crea incomodi all’uomo e agli animali notturni.
di David Leoni

Hanno sostituito, nell’illuminazione pubblica, le vecchie lampadine tradizionali ai vapori di mercurio o sodio. Costituiscono l’alternativa a basso consumo energetico e la loro efficienza luminosa è nettamente migliore. Eppure, anche loro, le moderne lampadine al Led, presentano un inconveniente: quello, cioè, di contribuire all’inquinamento luminoso. Al maggior comfort visivo per pedoni e automobilisti fa dunque da contraltare la luce (un tantino fredda a detta di alcuni) che abbaglia le abitazioni circostanti. Ne vuole sapere di più al riguardo il Gruppo LiSA delle Terre di Pedemonte, il quale ha inoltrato al Municipio un’interrogazione. Sensibile alle problematiche ambientali, la compagine rossoverde a suo tempo ha salutato favorevolmente l’utilizzo di queste moderne lampadine. Tuttavia “la nostra percezione è però che si stia generando un nuovo problema, forse in parte ignorato dagli addetti ai lavori, ma chiaramente percepito dalla cittadinanza. Ci riferiamo all’evidente aumento della luminosità emessa dai nuovi candelabri, che risulta spesso essere sproporzionata rispetto agli effettivi bisogni e alle caratteristiche dei luoghi”. Da qui tutta una serie di precise domande all’esecutivo. In particolare a sapere se siano giunte lamentele da parte della cittadinanza; se la potenza di alcuni punti luce sia aumentata rispetto al passato; se l’autorità municipale ha studiato delle contromisure o meno. Inoltre LiSA domanda se Municipio e Ufficio tecnico siano al corrente degli interventi di sostituzione pianificati dalla Società elettrica sopracenerina (Ses) e se è vero che quest’ultima orienti le proprie scelte in base alle rimanenze di magazzino. Non da ultimo se sia possibile diminuire il fascio luminoso di alcuni lampioni (tra la mezzanotte e le sei del mattino queste lampade possono essere regolate in maniera tale da dimezzare il consumo), magari attraverso filtri per “affievolire” la potenza luminosa emessa che si trovano in commercio. Le nuove normative e la messa al bando delle vecchie lampade L’impiego delle lampadine al Led rientra nelle nuove direttive europee, fatte sue anche dalla Confederazione, che prevedono la messa al bando di lampade a vapori di mercurio. La Ses, nell’ambito del progetto federale “Prokilowatt” volto alla promozione dell’efficienza nel campo dell’elettricità, ha beneficiato di un contributo di 690mila franchi per ammodernare il parco illuminazione pubblico nel suo comprensorio di distribuzione. I Comuni partner, come le Terre di Pedemonte, hanno così approfittato dell’opportunità per procedere in questo senso. Nel ter- ritorio pedemontano vi sono diverse centinaia di punti luce. Di questi, fino a qualche anno fa, oltre un centinaio risultava non conforme alle direttive. D’intesa con la Ses, un’ottantina di candelabri (situati soprattutto ai lati della carreggiata nella campagna di Tegna) ha dunque potuto beneficiare di nuove tecnologie al Led. Grazie a questo primo intervento, si è potuto risparmiare parecchio in termini di kWh. La progressiva sostituzione delle vecchie lampade, intanto, procede. Per rimediare a questa situazione “paradossale”, si potrebbe anche ipotizzare di ridurre il numero di punti luce presenti negli abitati. Anche in questo caso, però, vi sono delle precise normative federali e cantonali da rispettare (per esempio per quanto riguarda l’illuminazione di incroci, attraversamenti pedonali ecc…). L’Amministrazione, in stretto contatto con la Ses, si è messa al lavoro per trovare una soluzione ottimale.

 

2017-09-19 LaRegione.pdf

Università di Berna – L’inquinamento luminoso minaccia l’impollinazione

La luce artificiale disturba gli insetti notturni in impollinazione sulle piante e riduce il numero di semi e di frutti prodotti. Questa perdita di impollinazione notturna non può essere compensata da impollinatori diurni. Le piante vengono quindi alterate nella loro riproduzione, lo hanno dimostrato per la prima volta uno studio presso l’Università di Berna.

» Lichtverschmutzung bedroht die Bestäubung (Comunicato stampa ufficiale)

» Traduzione del comunicato tramite google translator

Alla base di queste dichiarazioni stampa una pubblicazione scientifica della docente Dr. Eva Knop  et al. un Nature. Che ha tenuto una presentazione sul tema presso la nostra ultima Assemblea.

» Nocturnal pollinators go dark under street lamps (engl.)

Rete UNO – Millevoci: Mi illumino di… led?

C’è chi le vorrebbe dappertutto dentro e fuori dalla propria abitazione per ragioni estetiche, chi invece le vorrebbe in ogni strada e crocicchio in nome del risparmio energetico. C’è poi chi, invocando l’inquinamento luminoso, ritiene che l’illuminazione con lampade LED sia una scorciatoia troppo facile. Light Emitting Diode (diodo a emissione di luce) è questo il significato dell’acronimo diventato ormai di uso comune. Ma perché se ne parla tanto? Cosa si cela nell’ombra della fredda luce (o tiepida, a dipendenza del tipo) che ha ormai spodestato le vecchie lampade a mercurio? Viviamo un’epoca di luce perenne e più la tecnologia avanza meno ci costa illuminare a giorno strade, luoghi pubblici e monumenti. Al di là delle ovvie ragioni di sicurezza e di fruibilità dei luoghi in cui la luce è indispensabile, quali sono le ragioni di chi avanza perplessità sul modo di illuminare gli spazi aperti? Basterà la tecnologia LED a mettere tutti d’accordo o sarà invece una nuova sfida tra chi vuole che la notte sia buia e chi invece la vuole luminosa e “sicura”?