The Guardian – L’inquinamento luminoso è un fattore chiave nella morte degli insetti (traduzione)

Testo originale: The Guardian – Light pollution is key ‘bringer of insect apocalypse’
La seguente è una traduzione gratuita in italiano di Dark-Sky Switzerland.

L’inquinamento luminoso è un fattore significativo, ma trascurato, del rapido declino delle popolazioni di insetti, secondo il meta-studio più completo delle prove scientifiche finora disponibili.

Migliaia di falene pullulano intorno ai proiettori. La luce artificiale di notte può influenzare ogni aspetto della vita degli insetti, hanno detto i ricercatori. Fotografia: Immagini di Simone De Peak/Getty

La luce artificiale di notte può influenzare ogni aspetto della vita degli insetti, hanno detto i ricercatori, dall’attirare le falene alla loro morte intorno alle lampade, a mettere in luce le prede di insetti per ratti e rospi, ad oscurare i segnali di accoppiamento delle lucciole.

«Crediamo fortemente che la luce artificiale notturna – in combinazione con la perdita di habitat, l’inquinamento chimico, le specie invasive e il cambiamento climatico – sia la causa del declino degli insetti»,

hanno concluso gli scienziati dopo aver valutato più di 150 studi. «Poniamo qui che la luce artificiale di notte è un altro importante, ma spesso trascurato, portatore dell’apocalisse degli insetti»

Tuttavia, a differenza di altri fattori di declino, l’inquinamento luminoso è relativamente facile da prevenire, ha detto il team, spegnendo le luci inutili e utilizzando le tonalità appropriate. «In questo modo si potrebbe ridurre notevolmente le perdite di insetti immediatamente».

Brett Seymoure, un ecologo comportamentale alla Washington University di St Louis e autore senior della recensione, ha detto: «La luce artificiale notturna è un’illuminazione causata dall’uomo, che va dai lampioni stradali alle torce a gas derivanti dall’estrazione del petrolio. Può colpire gli insetti in quasi ogni parte immaginabile della loro vita».

Uno scarabeo stercorario che spinge una palla di notte. Fotografia: National Geographic Image Collection/Alamy Stock Photo

In Germania e a Porto Rico sono stati segnalati i crolli della popolazione di insetti e la prima rivista scientifica globale, uscita a febbraio, ha affermato che un diffuso declino rischia di causare un «crollo catastrofico degli ecosistemi naturali».

L’ultimo studio dice: «Gli insetti in tutto il mondo sono in rapido declino. La loro assenza avrebbe conseguenze devastanti per la vita su questo pianeta».

Si pensa che ci siano milioni di specie di insetti, la maggior parte delle quali è ancora sconosciuta alla scienza, e circa la metà sono notturni. Quelli attivi di giorno possono anche essere disturbati dalla luce di notte quando sono a riposo.

L’analisi, pubblicata sulla rivista Biological Conservation, rileva che la luce è stata a lungo utilizzata deliberatamente dagli agricoltori per sopprimere gli insetti. E, con l’espansione delle infrastrutture umane e la diminuzione dei costi dell’illuminazione, l’inquinamento luminoso ha colpito un quarto della superficie terrestre mondiale..

L’impatto più familiare dell’inquinamento luminoso è rappresentato dalle falene che sventolano intorno a una lampadina, scambiandola per la luna. Un terzo degli insetti intrappolati nell’orbita di tali luci muoiono prima della mattina, secondo il lavoro citato nella recensione, sia per esaurimento che per essere mangiati.

Un falco falco ligustro in volo di notte in Ungheria Fotografia: Blickwinkel/Alamy

Recenti ricerche nel Regno Unito hanno rilevato maggiori perdite di falene in siti inquinati dalla luce rispetto a quelli bui. I fari dei veicoli rappresentano un pericolo mortale in movimento e si stima che questa attrazione fatale provochi 100 miliardi di morti di insetti ogni estate in Germania.

La luce artificiale impedisce anche agli insetti di trovare un compagno in alcune specie, ha rilevato la ricerca, soprattutto nei coleotteri lucciola, che scambiano segnali bioluminescenti durante il corteggiamento.

Alcuni insetti usano la polarizzazione della luce per trovare l’acqua di cui hanno bisogno per riprodursi, poiché le onde luminose si allineano dopo aver riflettuto da una superficie liscia. Ma la luce artificiale può annullare tutto questo. «Gli Efemerotteri vivono solo per un giorno, così escono e cercano la luce polarizzata. Ma trovano – dall’asfalto – vi depongono le uova e muoiono tutti. Questo è un buon modo per abbattere un’intera popolazione in 24 ore».

Anche lo sviluppo degli insetti giovani, come il grillo campestre, ha dimostrato di essere influenzato dall’inquinamento luminoso, che modifica la durata percepita del giorno e della notte.

Lo studio ha riscontrato che la ricerca di cibo è influenzata dall’inquinamento luminoso. Gli insetti che evitano la luce, come ad esempio la weta, i grilli giganti non volanti che si trovano in Nuova Zelanda, passano meno tempo a cercare cibo nelle zone inquinate dalla luce.

Gli insetti sono prede importanti per molte specie, ma l’inquinamento luminoso può capovolgere l’equilibrio a favore del predatore se intrappola gli insetti intorno alle luci. Ragni, pipistrelli, ratti, ratti, uccelli costieri, gechi e rospi di canna sono stati trovati che si nutrono tutti intorno alle luci artificiali. Tali aumenti del rischio di predazione rischiavano di causare la rapida estinzione delle specie colpite, affermano i ricercatori.

I ricercatori hanno detto che l’inquinamento luminoso è particolarmente difficile da affrontare per gli insetti. La maggior parte delle minacce causate dall’uomo agli insetti hanno analoghi naturali, come il cambiamento climatico e le specie invasive, il che significa che può verificarsi un certo adattamento. Ma il ciclo quotidiano di luce e buio è rimasto costante per tutto il tempo evolutivo, hanno affermato.

Tuttavia, l’inquinamento luminoso era la più facile di tutte le minacce agli insetti da affrontare, ha detto Seymoure. Una volta che spegnete una luce, non c’è più. «Non devi andare a ripulire, come fai con la maggior parte delle sostanze inquinanti. Non sto dicendo che dobbiamo sbarazzarci della luce di notte, penso che dobbiamo solo usarla con saggezza».

Migliaia di lucciole danzanti in Giappone. Fotografia: Immagini di Kei Nomiyama/Barcroft

Spegnere semplicemente le luci che non sono necessarie è l’azione più ovvia, ha detto, mentre rendere le luci attivate in movimento riduce anche l’inquinamento luminoso. È importante ombreggiare le luci in modo da illuminare solo l’area necessaria, così come evitare luci blu-bianco, che interferiscono con i ritmi quotidiani. Le luci a LED offrono anche speranza in quanto possono essere facilmente regolate per evitare colori dannosi e tassi di sfarfallamento.

«La prova che l’inquinamento luminoso ha impatti profondi e gravi sugli ecosistemi è estremamente solida», ha detto Matt Shardlow, l’amministratore delegato dell’associazione benefica per la conservazione Buglife. È imperativo che la società prenda misure sostanziali per rendere l’ambiente più sicuro per gli insetti».

«Un obiettivo nazionale di riduzione della luce, applicabile per legge, sarebbe il passo successivo più appropriato.» Ha detto che le nuove linee guida del governo britannico sull’inquinamento luminoso non sono riuscite a tenere in considerazione la crisi del declino degli insetti.

Il professor Nigel Raine, un esperto di impollinazione all’Università di Guelph in Canada che non è coinvolto nello studio, ha detto: «L’inquinamento luminoso potrebbe avere ramificazioni significative a livello di popolazione di insetti, specie o comunità».

Ha detto che gli scienziati dovrebbero prestare maggiore attenzione alla questione: «Ma potrebbe essere troppo presto per dire che gli impatti sono significativi quanto gli altri fattori di stress».

Il team di Seymoure ha detto che non ci sono state più ricerche sull’inquinamento luminoso e sugli insetti perché i ricercatori preferiscono lavorare di giorno…

 

RSI Rete Uno: “Accendiamo” il buio (e spegniamo le luci)

Questa volta ci occupiamo di ambiente dal punto di vista dell’inquinamento luminoso. Tante sono le iniziative che si accendono in ogni parte del mondo per evitare sprechi di energia e favorire un’illuminazione rispettosa dell’ambiente. Questo è anche il motto di Dark Sky Switzerland, ai nostri microfoni il vice presidente Stefano Klett. Ci illustra il punto della situazione sul territorio grazie anche agli strumenti che rilevano l’inquinamento luminoso e le conseguenze dello stesso per esseri umani, flora e fauna. Ciuascuno di noi può contribuire con piccoli gesti per favorire la salvaguardia della notte.

> Link Trasmissione

 

PANORAMA: E le stelle non si fanno più guardare

Una persona su tre, al mondo, non ha mai visto la Via Lattea. Colpa dell’inquinamento luminoso che riguarda ormai gran parte del pianeta

Come si sarebbe concluso l’ultimo verso dell’Inferno di Dante ai giorni nostri? «E quindi uscimmo a riveder le stelle, ma in verità non ne vedemmo molte…». Il sommo poeta e la sua guida avrebbero tutt’al più intravisto qualche astro disperso su un fondale sbiadito. Colpa dell’inquinamento luminoso che, dicono gli ultimi studi, riguarda ormai l’80 per cento dell’umanità. Non solo: sopra metà degli habitat naturali, il cielo notturno resta in qualche modo illuminato.
In parte sono luci che provengono direttamente dalle città, in parte, anche quando i centri abitati sono lontani, è un bagliore soffuso, che pervade lo spazio nascondendo stelle, costellazioni, comete di passaggio. Tanto che una persona su tre, al mondo, non ha mai ammirato la Via Lattea, in Italia addirittura tre su quattro.

[..]

» Articolo completo su PANORAMA

CNN Money Switzerland – Lights out? How lumen budgets could bring back the stars

Light pollution impacts human health and the ecosystem. In fact, there’s no longer complete natural darkness in Switzerland. This is why, according to Lukas Schuler of Dark-Sky Switzerland, businesses should create a lumen budget not only to save light flux and money, but to recapture the night sky.

» Lights out? How lumen budgets could bring back the stars

Dark-Sky Switzerland: CNN Money Switzerland è un canale svizzero indipendente autorizzato dalla CNN che discute a fondo le notizie dalla Svizzera e le trasmette solo in inglese. Viene osservata principalmente nell’area di Zurigo.

 

Rivista Pro Natura Speciale Le lucciole – E luce fu – ma non sempre e ovunque!

L’inquinamento luminoso è un grande problema, anche per le lucciole.
Rolf Schatz ha deciso di affrontarlo, sia in veste di Direttore di
Dark Sky Switzerland sia in qualità di Municipale di Langnau am Albis (ZH). Un impegno nato per caso dalla passione per i gamberi.

» E luce fu – ma non sempre e ovunque! (pdf)

 

RSI – Il Quotidiano – La luce che inquina

Servizio di approfondimento “La luce che inquina” di Paolo Bobbià, con Mauro Manconi (caposervizio – Centro del sonno EOC), Rolf Rolli (consulente illuminazione pubblica), Sergio Krashitz (collaboratore scientifico Ufficio prevenzione rumori TI) e Stefano Klett (vicepresidente Dark-Sky Svizzera).

» Il servizio La luce che inquina