A proposito di «La Nuit Est Belle»

Il 26 settembre 2019 si è tenuta nella Grande Regione di Ginevra la manifestazione “La Nuit Est Belle”, promossa dal Museo di Storia Naturale di Ginevra e dalla Società Astronomica di Ginevra. Quella sera, l’illuminazione pubblica di oltre 110 comuni di Vaud, Ginevra e Francia non è stata accesa al calar della notte. Lo scopo dell’operazione era quello di offrire agli abitanti l’opportunità di riscoprire, per una sera, l’esperienza di una notte buia e di un cielo stellato e privo di inquinamento luminoso. Meravigliosamente organizzata con attività offerte in tutta la regione, la serata non è stata favorita dal tempo, tuttavia, poiché le nuvole erano numerose, hanno lasciato poche opportunità di osservare il cielo. Dei membri del comitato Dark-Sky erano presenti quella sera per tenere una conferenza a Chêne-Bougeries (GE) e venire ad assorbire l’effetto dell’estinzione nella città e nei suoi dintorni.

Il bacino di Ginevra visto dal Giura qualche tempo dopo, in ottobre, con un meteo più clemente….

Dalla cima del Salève o dal Giura, l’impressione dominante è che l’illuminazione non sembra essere cambiata! L’agglomerato emette ancora molta luce ed è difficile dire, senza alcun riferimento al confronto, se lo spegnimento è in atto o meno.  L’aeroporto di Ginevra-Cointrin appare chiaramente nel paesaggio come un punto di riferimento molto luminoso. Non è stato chiuso, né lo stadio di Ginevra, a causa di una partita programmata con largo anticipo che non poteva essere posticipata.

L’agglomerato di Ginevra visto dalla Salève. Il punto estremamente chiaro sulla sinistra è lo stadio, illuminato quella sera.

Ad un esame più attento, la maggior parte dell’illuminazione di quella sera era privata: segnaletica, percorsi privati, abitazioni, pubblicità, ecc. Questo ci indica che il contributo di questa illuminazione all’inquinamento luminoso totale di una città, che non è affatto trascurabile su larga scala.

Nel centro di Ginevra c’erano numerosi passanti per le strade, per caso o soprattutto per scoprire la loro città nell’ombra, senza che l’assenza di illuminazione stradale impedisse alle persone di camminare per la città.  Da notare che le famose insegne luminose del porto, anche se private, erano quasi tutte spente. Un contributo delle autorità è da riconoscere ed apprezzare! Nella Rues-Basses, molte vetrine erano spente. Quelle rimaste accese hanno sostituito l’illuminazione pubblica, al punto che la strada era lontana dall’essere descritta come buia. In questo caso è soprattutto l’alternanza tra la penombra e l’illuminazione di alcune finestre che impressiona, permettendo di rendersi conto dell’intensità di queste luci private, che illuminano ogni notte. Il flusso su questa via non era in alcun modo disturbato, anche se i passanti si rendono conto che le luci della strada sono spente.

Le Rues-Basses “spenta”

A differenza della Rues-Basses, la città vecchia sembra particolarmente buia, qui c’è pochissima illuminazione privata. L’effetto è rafforzato dal fatto che è generalmente accessibile da zone ancora molto luminose e che non consentono l’adattamento al buio.

Alcune strade della Città Vecchia erano davvero al buio.

Vicino alle Rues Basses e intorno alla Rade, molte terrazze di bar e ristoranti sembrano approfittare dello spegnimento dell’illuminazione per creare un’atmosfera particolare: candele, luci e lampade colorate….. Molti di loro hanno apprezzato l’evento, godendo di questa atmosfera unica con un bicchiere di vino in mano con gli amici.

La place du Molard: ‘absence d’éclairage publique n’est pas synonyme d’inactivité !

Quando ci si allontana da negozi e vetrine ancora illuminate, il traffico di auto, biciclette e pedoni diventa più delicato e richiede maggiore attenzione, soprattutto tra pedoni e biciclette, la prima non necessariamente visibile e la seconda non sistematicamente dotata di luci. Alcune le forze dell’ordine municipali hanno prestato particolare attenzione a questo punto, allertando i ciclisti con luci spenti e distribuendo kit di luci (e talvolta anche una multa…..). In ogni caso, il traffico è più cauto e lento, poiché gli automobilisti si adattano a queste nuove condizioni. Per i pedoni, è soprattutto l’alternanza tra zone scure e zone illuminate che disturba, poiché l’occhio perde immediatamente il suo adattamento al buio e viene spesso abbagliato.

Una bicicletta che si avvicina su strada

A mezzanotte l’illuminazione pubblica del cantone di Ginevra è stata riaccesa, a differenza della maggior parte dei comuni francesi della regione che hanno partecipato all’evento e hanno tenuto le luci spente per tutta la notte. Anche se questa ri-illuminazione è piuttosto infelice, poiché è soprattutto nel cuore della notte che lo spegnimento dell’illuminazione pubblica è più rilevante, ha permesso di fare un confronto tra i luoghi con e senza illuminazione pubblica. Le immagini seguenti mostrano la stessa scena prima e dopo l’accensione dell’illuminazione.

Durante e dopo lo spegnimento: vicino al ponte di Bergues
Durante e dopo lo spegnimento: la place Bel Air
Vista del bacino di Ginevra durante lo spegnimento dal Giura
Vista del bacino di Ginevra senza spegnimento dal Giura

Nonostante le condizioni meteorologiche non favorevoli all’osservazione del cielo stellato, l’evento La Nuit Est Belle è senza dubbio riuscito ad offrire agli abitanti della Grande Ginevra l’opportunità di vivere per una serata in una regione altrimenti illuminata e di aprire discussioni sul significato che vogliamo dare alla nostra illuminazione pubblica. Le reazioni sui social network e sui giornali sono state generalmente positive, con molte voci che invitano a ripetere l’esperienza ogni anno, anche ogni sera….. Mentre altri sono stati indignati da questo evento, vedendolo come una grave violazione del loro comfort e della loro sicurezza. Fortunatamente, la maggior parte delle reazioni pubblicate sono state più sfumate, ma comunque positive. Va notato che la polizia ginevrina non ha notato alcun aumento della criminalità o degli incidenti quella notte.  L’azione è stata ampiamente riportata dalla stampa francofona e francofona, e anche al di là dell’Atlantico. Dark-Sky Switzerland si congratula con i promotori del progetto e con i comuni che hanno avuto il coraggio di partecipare a questa avventura, che contribuisce a cambiare la mentalità sul rapporto delle nostre società con la notte, l’illuminazione pubblica e l’ambiente notturno in generale. Diversi comuni stanno già adottando misure a lungo termine per ridurre l’inquinamento luminoso, anche grazie al segnale molto incoraggiante de “La Nuit Est Belle”.

 

 

26 settempre 2019 – Spegnimento straordinario a Ginevra

Il 26 settembre si terrà un evento unico in Europa nella regione della Grande Ginevra, che comprende il cantone di Ginevra, i comuni francesi limitrofi e i comuni del Vaud occidentale. Sotto l’impulso della Società Astronomica di Ginevra e del Museo di Storia Naturale di Ginevra, più di 100 comuni non accenderanno l’illuminazione pubblica all’imbrunire, per evidenziare il problema dell’inquinamento luminoso. In loco, tutti potranno godersi il cielo stellato della città e giudicare l’importanza dell’illuminazione urbana nella propria comunità, con attività pianificate in alcune comunità.  All’ordine del giorno!

Maggiori informazioni : qui (in francese)

Notizia riportata anche su Ticino Online.

SAFE: Illuminare gli spazi pubblici in modo efficiente ed evitando le emissioni inutili

mercoledì, 17 gennaio 2018, presso la SES,  Piazza Grande, Locarno

Pomeriggio informativo organizzato dall’Agenzia svizzera per l’efficienza energetica, S.A.F.E., www.efficace.ch SvizzeraEnergia per i Comuni, www.cittadellenergia.ch.

L’inquinamento luminoso altera il benessere di uccelli, insetti ed animali notturni, ma pure dell’uomo, ad esempio quando l’illuminazione esterna raggiunge i locali abitati o disturba le osservazioni astronomiche.

È impossibile eliminare completamente le emissioni luminose indesiderate, ma limitarle fortemente sì, tramite una progettazione adeguata e l’uso di tecnologie moderne. Ammodernare l’IP deve servire a migliorare la situazione a livello di efficienza energetica, di inquinamento luminoso e di qualità di vita.

Il pomeriggio è dedicato in particolare ai Comuni, ai gestori dell’illuminazione pubblica e alle aziende elettriche.

Temi principali dell’incontro:

  • Emissioni luminose indesiderate:
    cosa sono, come limitarle?
  • Basi legali e raccomandazioni
  • Esempi concreti di risanamenti IP
  • IP a LED: parte del problema o
    della soluzione?
  • Esempi di regolamenti comunali
    per l’illuminazione esterna
  • Consigli pratici di topstreetlight
  • Incentivi effeSTRADA+

 

Conferenza a Lodano, valle Maggia

giovedì 19 ottobre ’17
Conferenza pubblica

Ladro di stelle:
l’inquinamento luminoso

Con un tasso di incremento annuo del 6% circa, l’inquinamento luminoso è tra i fattori inquinanti maggiormente in crescita. Ma cosa è l’inquinamento luminoso? Quali sono gli effetti della luce artificiale su flora, fauna, salute ed economia.? Come lo si può combattere?

alle ore 20.15
Palazzo comunale
di Lodano primo piano, entrata libera

Relatori:

  • Stefano Klett
    Dark-Sky Switzerland
  • Marzia Mattei-Roesli
    Centro protezione pipistrelli Ticino
  • Sergio Kraschitz
    Sezione cantonale della protezione dell’aria, dell’acqua e del suolo.

Locandina in PDF

Serata Inquinamento Luminoso a Vezia

LUNEDÌ 07 NOVEMBRE – 20.00 Vezia Serata Organizzata con I Verdi del Ticino

serata_inquinamento_luminoso_a_veziaGli effetti della luce artificiale su flora, fauna, salute e economia
Le ultime novità nell’ambito delle luci LED
Conferenza/incontro con:

  • Stefano Klett, vicepresidente Dark-Sky Switzerland e responsabile per la sezione Ticino
  • Marzia Mattei-Roesli, biologa responsabile Centro protezione chirotteri Ticino
  • Sergio Kraschitz, collaboratore scientifico Sezione cantonale protezione aria acqua e suolo

Serata inquinamento luminoso a Vezia (pdf)

 

Giovedì 26 novembre 2015: Inquinamento luminoso …ci hanno spento anche le stelle…

I Comuni di Cugnasco-Gerra, Gambarogno, Gordola, Lavertezzo e Tenero-Contra hanno il piacere di invitarvi alla serata pubblica:   Inquinamento luminoso …ci hanno spento anche le stelle… giovedì 26 novembre 2015 alle ore 20.00

2015_communi_immagine_1presso:

2015_prince_immagine_2Centro Professionale e Sociale
a Gerra Piano, Via Terricciuole 1

Apertura della serata

Saluto da parte delle Autorità comunali

Introduzione alla problematica:
Ladri di stelle! Chi ce le ha rubate? E come?

Relatore: Stefano Klett, Vice-Presidente Dark-Sky Switzerland

Aspetti biologici dell’alterazione del buio:
impatto dell’illuminazione notturna su fauna e flora

Relatore: Marzia Mattei-Roesli, Biologa,
responsabile del Centro protezione chirotteri Ticino

Linee guida cantonali:
come vengono applicate

Relatore: Sergio Kraschitz, collaboratore
scientifico della Sezione cantonale della protezione dell’aria dell’acqua e del suolo, Bellinzona

2015-11-26 Gerra Piano Inquinamento Luminoso (pdf)